I campi estivi

L’Associazione Fabio-Vita nel mondo ONLUS organizza ogni anno a Cavi di Lavagna in provincia di Genova un soggiorno-vacanza estivo di 15 giorni al mare per i bambini residenti in uno degli orfanotrofi della Bosnia con i quali l’associazione collabora portando aiuti e sostenendo progetti sanitari all’interno. Gli obiettivi che l’Associazione si prefigge attraverso l’organizzazione del soggiorno estivo sono in particolare si vuole dare la possibilità ai bambini:

– di soggiornare un periodo nelle immediate vicinanze del mare e poter godere dei benefici per la salute derivanti dall’esposizione al sole e dalle attività ludico-sportive marine;
– di effettuare visite sanitarie specialistiche per i bambini e ragazzi che ne necessitano;
– di effettuare uno screening pediatrico completo.

Attraverso un percorso educativo e psicologico di sostegno, si vuole trasformare questi soggiorni in un momento di rigenerazione psicologica e crescita nella socializzazione e rappresentano il premio per il loro impegno in ambito scolastico.

L’Associazione ha organizzato, finanziato e realizzato interamente i soggiorni estivi per i bambini e ragazzi ospitati:

– nell’orfanotrofio di Casa Egipat di Sarajevo gestito dalle Suore Ancelle di Gesù Bambino
– nell’orfanotrofio di Mostar Est
– nell’orfanotrofio Sos Kinderdorf di Sarajevo
– nell’orfanotrofio Comunale ” Bijelave” di Sarajevo

Si ringraziano:

– L’Associazione Mercatino di San Nicola di Genova per avere finanziato il campo estivo 2009 con la somma di € 11.500,00
– Don Stefano Traini venendo incontro alle nostre esigenze finanziarie
– Banca Aletti Trust e Famiglia Volpati Trust Onlus per avere finanziato il campo estivo 2011, 2012, 2013 e 2014.

Un grazie di cuore all'amico Alberto, titolare dei bagni Alberto a Cavi di Lavagna e bagnino di professione ma soprattutto con il cuore. In tutti questi anni ha sempre guardato aiutato e assistito i "nostri bambini" donando affetto e amicizia. Senza il suo aiuto sarebbe stato difficile, con lui tutto è diventato semplice. Grazie Alberto
condividi l'articolo su: