Angelo custode

Il progetto Angelo Custode è rivolto alle situazioni di vita più difficili per le quali è necessario la presenza e l’aiuto concreto quotidiano svolto da nostri operatori (chiamati “Angeli Custodi”). Sono tutti quei casi per i quali è soltanto vivendo fianco a fianco le difficoltà che si può tentare di intervenire fattivamente e creare dei veri rapporti di sostegno, non solo economici, ma anche psicologico e affettivo.

Riguarda prevalentemente bambini e ragazzi che non hanno famiglia e risiedono in orfanotrofio oppure che vivono in realtà familiari di grave abbandono e povertà. Si vuole dare, anche e soprattutto con il nostro amore e quello dei nostri “angeli”, la cura e l’attenzione che ogni bambino e ragazzo ha il diritto di avere e la voglia di guardare al futuro con fiducia e speranza.

Il progetto si divide in due parti:

Parte Socio-Educativo:
Il progetto Angelo Custode è rivolto alle situazioni di vita più difficili per le quali è necessario la presenza e l’aiuto concreto quotidiano svolto da nostri operatori (chiamati “Angeli Custodi”). Sono tutti quei casi per i quali è soltanto vivendo fianco a fianco le difficoltà che si può tentare di intervenire fattivamente e creare dei veri rapporti di sostegno, non solo economici, ma anche psicologico e affettivo.
L’Associazione attraverso questo progetto porta il proprio aiuto a:
– ragazze madri con bimbi piccoli in forte disagio sociale
– famiglie con difficoltà economiche nelle quali un componente è malato e bisognoso di cure
– bambini e bambine ospitate in istituto a cui offrire un sostegno educativo.

Ragazze madri
Queste ragazze sono madre di bimbi piccoli normalmente sprovviste di reddito e soprattutto di alcun legame affettivo su cui poter contare fattivamente. L’Associazione in questi casi interviene sostenendo economicamente le ragazze, pagando per un periodo l’affitto di una casa, l’energia elettrica, la legna per il riscaldamento, e fornendo i generi alimentari necessari per vivere ed incentivando le ragazze a lavorare. Dove necessita l’associazione provvede a fornire la ragazza di carrozzina fasciatoio lettino indumenti per il bambino e per la mamma. L’associazione dove necessario fornisce l’assistenza legale per la soluzione degli inevitabili problemi legati al bambino.

Famiglie in difficoltà
Le famiglie vengono sostenute economicamente attraverso l’acquisto dei medicinali necessari e attraverso l’acquisto della legna per il riscaldamento e l’acquisto dei generi alimentari necessari. In questo caso sono gli angeli custodi che settimanalmente seguono l’evolversi della famiglia e delle esigenze primarie della stessa. Dove i bambini appartenenti al nucleo vanno a scuola per gli stessi si provvede anche in alcuni casi al pagamento delle spese scolastiche. In alcuni casi e per situazioni temporanee valutate di volta in volta l’associazione provvede all’adozione del nucleo attraverso un sostegno economico ai bambini presenti (€ 50,00 mese).

Bambini e Bambine ospitate in istituto
La realtà scolastica e professionale da noi riscontrata nei ragazzi residenti in Orfanotrofio spesso non consente di poter ottenere una preparazione idonea a entrare nel mondo del lavoro. Questa realtà nasce da una serie di fattori legati sia alla particolare situazione psicologica di ciascun ragazzo sia al contesto socio-educativo dell’area dove vive. In generale ogni ragazzo che risiede in orfanotrofio porta dentro di sé un vissuto precedente fatto di difficoltà familiari, economiche e sociali che ne hanno ritardato e ne ritardano l’apprendimento. A ciò si aggiunge l’esistenza di un sistema scolastico che seleziona gli studenti sulla base delle capacità e definisce delle “categorie” di bambini “speciali” sulla base non delle effettive (e magari inespresse) capacità, ma sulla base dell’emotività e della capacità di attenzione che manifesta un bambino. E’ ovvio che un bambino che risiede in orfanotrofio parte da una situazione di reale svantaggio e finisce per poter accedere soltanto a “scuole per bambini con bisogni speciali”. Una situazione di questo tipo in Bosnia li espone al rischio, quando ormai troppo grandi di età per poter risiedere in orfanotrofio, di non essere assolutamente in grado di poter provvedere economicamente a sé stessi perché non preparati professionalmente ed emotivamente a inserirsi nel mondo del lavoro. L’Associazione si pone quale obbiettivo:
– la definizione di un percorso personale di formazione professionale che possa rendere in seguito possibile l’accesso a una occupazione stabile che consenta di mantenersi all’esterno dell’orfanotrofio;
– la prevenzione del verificarsi di situazioni di abbandono dell’orfanotrofio e/o di inserimento in tessuti sociali pericolosi per l’incolumità fisica e psicologica dei ragazzi.
Attualmente l’Associazione ha attivato un primo progetto presso l’Orfanotrofio Dijeci Dom di Mostar nella parte est della città. Con tale progetto si cerca di fornire una formazione scolastica e sportiva. Per quanto riguarda la pratica sportiva, al fine di migliorare l’integrazione delle ragazze e dei ragazzi e creare uno “spirito di corpo”, ma soprattutto per occupare buona parte del loro tempo libero ed evitare che possano essere trascinati in situazioni socialmente deviate:
– nel settembre 2007 abbiamo creato la squadra di pallavolo femminile “Mostar’s Angels” composta dalle ragazze dell’orfanotrofio in età superiore a 13 anni. Sono stati finanziati due allenamenti settimanali ( stipendio allenatore), oltre all’equipaggiamento.
– nel febbraio 2008, a richiesta delle ragazze stesse, abbiamo aggiunto un’ora di aerobica la settimana frequentata anche da tutte le ragazze con bisogni speciali.
– nel settembre 2009 è stata creata la squadra di calcio a 7 maschile composta dai ragazzi dell’orfanotrofio in età inferiore ai 17 anni. Sono stati finanziati 2 allenamenti settimanali, oltre all’equipaggiamento.
– nel settembre 2009 è iniziato il corso di danza per le bambine e ragazzine dell’orfanotrofio con età inferiore ai 14 anni.

Per quanto concerne lo sviluppo scolastico e professionale sulla base delle scelte scolastiche e degli interessi manifestati dalle ragazze, dal mese di settembre 2007 abbiamo attivato un corso di formazione annuale per la professione di cuoca per tutte le ragazze (indipendentemente dal tipo di scuola frequentata) che viene svolto da una cuoca molto esperta ormai in pensione direttamente nella cucina dell’orfanotrofio. Il grande successo misurato sia dagli skills acquisiti dal gruppo delle ragazze sia dalla perseveranza e dedizione nella frequenza, ci ha spinto a continuare anche per tutto l’anno 2009 questa attività. Il corso è stato aperto anche alle ragazzine più piccole.

Parte sanitaria:
I nostri operatori chiamati “Angeli Custodi” seguono giornalmente le evoluzioni e terapie dei bambini malati residenti in orfanotrofio o in famiglia. Acquistiamo i medicinali e sosteniamo il costo degli accertamenti diagnostici.

Gli ” Angeli” accompagnano i bambini stessi all’ospedale per seguire le terapie e fare tutti gli accertamenti possibili in Bosnia.

L’Associazione si fa carico di portare i bambini dell’Orfanotrofio di Mostar Est sia dal dentista sia dal logopedista.

L’Associazione organizza, finanzia e provvede all’assistenza in Italia dei bambini e delle persone malate per le quali non è possibile, o consigliabile, secondo l’opinione dei sanitari, effettuare gli interventi chirurgici in Bosnia.

condividi l'articolo su: